MENU

Comune di Lanuvio

Imposta di soggiorno

Imposta comunale di soggiorno

Che cos’è

L’Imposta Comunale di Soggiorno (I.C.S.), di cui all’art. 4 del D.lgs. 23/2011, è destinato a finanziare gli interventi, previsti nel bilancio di previsione del Comune di ……………………………………………., per il turismo, la manutenzione, fruizione e recupero dei beni culturali ed ambientali, nonché i servizi pubblici.

A chi si applica

L’imposta è dovuta da ogni soggetto, non residente nel Comune di ……………………………………………., , per ogni pernottamento (ovvero a persona per notte) nelle strutture ricettive situate nel territorio del Comune di ……………………………………………., . Per strutture ricettive si intendono tutte le strutture alberghiere ed extra-alberghiere che offrono alloggio. Rientrano fra queste a titolo esemplificativo e non esaustivo: alberghi, residenze turistico alberghiere, villaggi turistici, campeggi, agriturismi, ostelli, bed and breakfast, residence, case e appartamenti per vacanza, affittacamere, alloggi vacanze e case per ferie.

Come si determina

La misura dell’imposta è determinata per persona e per pernottamento ed è graduata e commisurata con riferimento alla tipologia delle strutture ricettive definita dalla normativa regionale, che tiene conto delle caratteristiche e dei servizi offerti dalle medesime (ad esempio per gli alberghi e le residenze turistico alberghiere in rapporto alla loro classificazione in “stelle”).

Le misure d’imposta sono le seguenti:

  • 0,70 euro al giorno a persona per campeggi ed agriturismi
  • 1,00 euro al giorno a persona per hotel, B&B, case vacanze, affittacamere, case per ferie, residenze turistiche

Quando e come si paga

Il gestore della struttura, entro il 15° giorno successivo al trimestre di riferimento, deve:

  1. dichiarare all’Ente le informazioni utili al calcolo dell’imposta, con due moduli:

    Ics – Dichiarazione trimestrale (Collegare modulistica comunale)

    Ics – Rilevazione trimestrale delle presenze(Collegare modulistica comunale)

  2. Riscuotere l’imposta inserendo il relativo importo sul documento fiscale emesso indicandolo come “operazione fuori campo I.V.A.”

Versamento dell’imposta

Il gestore della struttura ricettiva effettua il versamento dell’imposta di soggiorno al Comune di ……………………………………………., entro il 16° giorno successivo al trimestre di riferimento con le seguenti modalità:

– sul conto corrente postale n…………………………….intestato al Comune di ……………………………………………., – Servizio ………………………….;

Nella causale indicare sempre codice fiscale\p.iva della struttura ricettiva e trimestre\anno a cui si riferisce il versamento.

Notizie utili

L’imposta non si applica dall’undicesimo giorno per pernottamenti superiori ai 10 giorni, anche non consecutivi, per ciascuna annualità.

La dichiarazione va presentata anche se durante il periodo considerato non ci sono stati pernottamenti (indicando “zero” nel relativo campo). Le modalità di presentazione sono:

Normativa di riferimento

Art. 4 del Decreto Legislativo 14 marzo 2011 n. 23;

Delibera del Consiglio Comunale n.46 del 10 ottobre 2012

Procedimenti

Emissioni avvisi di accertamento imposta di soggiorno

Sollecito riversamento imposta di soggiorno