IMU 2012: conguaglio - Pubblicazione aliquote

in

 Nella seduta del Consiglio Comunale del 29/10/2012 sono state approvate definitivamente le seguenti aliquote, per l’applicazione dell’IMU anno 2012, da considerare in occasione del conguaglio da effettuare entro il 17 dicembre prossimo:
 
Aliquota dello 0,44%
a) per le seguenti abitazioni principali, categorie catastali da A/2 ad A/8: 
1- immobile iscritto o iscrivibile nel catasto edilizio urbano come unica unità immobiliare nel quale il possessore e il suo nucleo familiare dimorano abitualmente e risiedono anagraficamente; 
2- abitazione assegnata al coniuge disposta a seguito di separazione legale, annullamento, scioglimento o cessazione del matrimonio; 
3- abitazione posseduta a titolo di proprietà o di usufrutto da soggetto anziano o disabile che ha acquisito la residenza in istituto sanitario o di ricovero a seguito di ricovero permanente, a condizione che la stessa non risulti locata; 
4- abitazione posseduta dai cittadini italiani non residenti nel territorio dello stato a condizione che non risulti locata.  
b)  per le pertinenze dell'abitazione principale (di cui al precedente punto a) classificate nelle categorie catastali C/2, C/6, C/7 nella misura massima di un'unità pertinenziale per ciascuna delle categorie catastali indicate. 
 
Aliquota dello 0,20%
a) per i fabbricati rurali ad uso strumentale dell'attività agricola
 
Aliquota dell' 1,04%
a) per le aree fabbricabili
 
Aliquota dello 0,85%
a) per le abitazioni cedute dai proprietari gratuitamente, ai parenti fino al 1° grado in linea retta, che le adibiscano ad abitazione principale.
c) per le pertinenze dell'abitazione (di cui al precedente punto a) classificate nelle categorie catastali C/2, C/6, C/7 nella misura massima di un'unità pertinenziale per ciascuna delle categorie catastali indicate. 
 
Aliquota dell' 1,06%
a) per le unità immobiliari classificate nelle categorie catastali C/1 (negozi e botteghe) e C/3 (laboratori per arti e mestieri);
b) per le unità immobiliari appartenenti alle cooperative edilizie a proprietà indivisa, adibite ad abitazione principale dei soci assegnatari; 
c) gli alloggi regolarmente assegnati dagli Istituti autonomi per le case popolari nonché agli enti di edilizia residenziale pubblica, comunque denominati, aventi le stesse finalità degli IACP; 
d) per le unità immobiliari classificate nella categoria B;
e) unità immobiliari classificate nelle categorie catastali D1 (opifici), D7 (attività industriali) e D8  (attività commerciali);
 
Aliquota dell' 1,06%
a) nel caso di immobili ad uso abitativo, categorie da A/2 ad A/8 che non rispondano al requisito di abitazione principale; 
b) per le unità immobiliari accatastate nelle categorie catastali C/2, C/6, C/7 che non rispondono al requisito di pertinenza dell'abitazione principale; 
c) per le unità immobiliari classificate nella categoria catastale A/10 (uffici e studi privati). 
d) per le unità immobiliari classificate nella categoria D5 (istituti di credito, cambio e assicurazione).  
 
E’ confermata la detrazione di euro 200 dall'imposta dovuta, fino a concorrenza del suo ammontare, per l'unità immobiliare adibita ad abitazione principale del soggetto passivo e per la relativa pertinenza, compresi gli immobili regolarmente assegnati dagli istituti autonomi per le case popolari e le unità immobiliari appartenenti alle cooperative edilizie a proprietà indivisa, adibite ad  abitazione principale dei soci assegnatari.
 
 

05/11/2012
Link correlati