Storia e Territorio

Lanuvio, erede dell’antica Lanuvium, sorta sui Colli Lanuvini, nel comprensorio dei Colli Albani, vanta origini anteriori a quelle di Roma.

Denominata Civita Lavinia nel medioevo e riacquistato il suo nome originario nel 1914, è parte integrante e significativa del territorio dei “Castelli Romani” per storia, cultura, tradizioni e bellezze naturali.

Il territorio del Comune si estende per Kmq. 43,9 e confina con i Comuni di Ariccia, Genzano di Roma, Velletri ed Aprilia; esso comprende, oltre al Capoluogo, la frazione di Campoleone e gli agglomerati urbani di: Bellavista, Colle Cavaliere, Farnete, Malcavallo, Monte Giove, Piano Marano, Stragonello.

Lo stemma distintivo di Lanuvio è un gonfalone su sfondo di colore azzurro, e vi è riprodotta l’immagine della mitica Giunone Sospita lanuvina e nell’esergo è riportata la sigla I.S.M.R. (Iuno Sospita Mater Regina).

Per essere stato Lanuvio un municipio romano, il Comune può ufficialmente intestare i propri atti con l’acronimo S.P.Q.L.

 

- Storia

- Cosa vedere

- Città in cifre

- Come arrivare

- Feste e sagre

- Prodotti locali