MENU

Comune di Lanuvio

IMU

Imposta Municipale propria (IMU), in vigore dal 01/01/2020

La Legge 27 dicembre 2019, n. 160 ha istituito la nuova Imposta municipale propria, in sostituzione dell’imposta Municipale propria (Imu) e della Tassa sui servizi indivisibili (Tasi) istituite con la Legge 27 dicembre 2013, n. 147. Il Regolamento per l’applicazione dell’IMU in vigore dal 01/01/2020 è stato approvato con Deliberazione del Consiglio Comunale n. 29 del 31/07/2020.

IL 16 GIUGNO 2020 E IL 16 DICEMBRE SCADONO I TERMINI PER IL VERSAMENTO DELL’IMU.

Con Deliberazione del Consiglio Comunale n. 30 del 31/07/2020 sono state approvate le aliquote per l’anno 2020 di seguito riportate:

Abitazione principale (solo categorie A/1, A/8 e A/9) e relative pertinenze (nella misura di un’unica pertinenza per ciascuna cat. C/2, C/6, C/7) 6‰
Unità immobiliari concesse in uso gratuito a parenti in linea retta entro il 1° grado che le utilizzano come abitazione principale e relative pertinenze 8,5‰
Fabbricati rurali a uso strumentale di cui all’art. 9, c. 3-bis, D.L. 30 dicembre 1993, n. 557 1‰
Fabbricati costruiti e destinati dall’impresa costruttrice alla vendita fintanto che permanga tale destinazione e non siano in ogni caso locati 2,5‰
Terreni agricoli esenti
Aree fabbricabili 10,4‰
Altri immobili 10,6‰
Detrazione per abitazione principale € 200,00

 

PER EFFETTO DELL’INDIRIZZO ESPRESSO DALLA GIUNTA COMUNALE CON DELIBERAZIONE N. 48 DELL’08/06/2020, IL COMUNE NON APPLICHERÀ SANZIONI ED INTERESSI NEL CASO DI VERSAMENTO DELL’ACCONTO IMU 2020 ENTRO IL 31 LUGLIO 2020, LIMITATAMENTE AI CONTRIBUENTI CHE HANNO REGISTRATO DIFFICOLTÀ ECONOMICHE, DA ATTESTARSI ENTRO IL 31 OTTOBRE 2020, A PENA DI DECADENZA DAL BENEFICIO, SU MODELLO PREDISPOSTO DAL COMUNE E DI SEGUITO SCARICABILE. IL BENEFICIO NON PUO’ ESSERE RICONOSCIUTO PER LA QUOTA DI COMPETENZA STATALE DEGLI IMMOBILI A USO PRODUTTIVO CLASSIFICATI NELLA CATEGORIA CATASTALE D PER CUI RESTA LA SCADENZA DEL 16 GIUGNO 2020.

L’imposta è dovuta da chiunque possieda immobili (fabbricati e terreni fabbricabili).

L’imposta non è dovuta per l’abitazione principale o assimilata (salvo che non sia classificata nelle categorie catastali A1, A8 e A9) e per unità pertinenziali (cat. C2, C6 e C7) nella misura massima di un’unità per ciascuna categoria.

Non è più prevista l’esenzione per l’unità immobiliare disabitata di titolari di pensioni estere iscritti all’AIRE.

Ai sensi dell’art. 78, c. 1, D.L. 14 agosto 2020, n. 104, in considerazione degli effetti connessi all’emergenza epidemiologica da COVID-19, per l’anno 2020 non è dovuta la seconda rata dell’IMU per:
a) immobili adibiti a stabilimenti balneari marittimi, lacuali e fluviali, nonché immobili degli stabilimenti termali;
b) immobili rientranti nella categoria catastale D/2 e relative pertinenze, immobili degli agriturismi, dei villaggi turistici, degli ostelli della gioventù, dei rifugi di montagna, delle colonie marine e montane, degli affittacamere per brevi soggiorni, delle case e appartamenti per vacanze, dei bed & breakfast, dei residence e dei campeggi, a condizione che i relativi proprietari siano anche gestori delle attività ivi esercitate; l’esenzione per le pertinenze di immobili rientranti nella categoria catastale D/2 si applica anche relativamente alla prima rata;
c) immobili rientranti nella categoria catastale D in uso da parte di imprese esercenti attività di allestimenti di strutture espositive nell’ambito di eventi fieristici o manifestazioni;
d) immobili rientranti nella categoria catastale D/3 destinati a spettacoli cinematografici, teatri e sale per concerti e spettacoli, a condizione che i relativi proprietari siano anche gestori delle attività ivi esercitate;
e) immobili destinati a discoteche, sale da ballo, night-club e simili, a condizione che i relativi proprietari siano anche gestori delle attività ivi esercitate.

Ai sensi dell’art. 9, c. 1, D.L. 28 ottobre 2020, n. 137, in considerazione degli effetti connessi all’emergenza epidemiologica da COVID-19, per l’anno 2020 non è dovuta la seconda rata dell’IMU per gli immobili e per le relative pertinenze in cui si esercitano le attività indicate nella tabella allegata al decreto DECRETO-LEGGE 28 ottobre 2020, n. 137, Tabella1, a condizione che i relativi proprietari siano anche gestori delle attività ivi esercitate.

Per conoscere la rendita catastale occorre munirsi di Codice Fiscale, foglio e particella (verificabili sull’atto di acquisto) relativi ai propri immobili e accedere al sito dell’Agenzia del Territorio:

Agenzia del Territorio – Calcolo Rendita Catastale

Acquisita la rendita catastale dell’immobile è possibile calcolare l’importo dell’IMU per il Comune di Lanuvio e stampare il modello F24 per il relativo pagamento.

Calcolo IMU 

Il codice catastale del Comune di Lanuvio è C767.
3912: Abitazione principale (A/1, A/8, A/9) e relative pertinenze
3913: Fabbricati rurali ad uso strumentale
3916: Aree fabbricabili – Quota Comune
3918: Altri fabbricati (escluse categorie catastali D) – Quota Comune
3925: Immobili categoria D – Quota Stato (aliquota fino al 7,6 per mille)
3930: Immobili categoria D – Quota Comune (aliquota eccedente il 7,6 per mille)

Il termine per le dichiarazioni IMU e TASI per l’anno 2019, nell’ipotesi in cui sussista l’obbligo, è fissato al 31 dicembre 2020 (art. 3 ter del D.L. del 30 aprile 2019, n. 34, convertito in n. 58 dalla legge del 28 giugno 2019).

Le dichiarazioni dovranno essere presentate utilizzando l’apposito modello approvato dal M.E.F. con decreto del 30/10/2012.

Modulistica
Richiesta di non applicazione di sanzioni e interessi per versamento dell’acconto IMU 2020 entro il 31/7/2020

IMU – dichiarazione per aliquota agevolata per anziani o disabili residenti in istituti di ricovero

IMU – Tabella applicazione ICI/IMU in riferimento alle aree edificabili

IMU – dichiarazione per fabbricati inagibili